Alla ricerca di qualcosa?

In Standard

Boston: una gita a Salem

Boston: una gita a Salem

Durante il mio viaggio estivo (agosto 2019), una volta tornata a Boston per gli ultimi giorni di vacanza ho deciso di fare anche alcune gite fuori città. Quella che ho trovato più interessante ed istruttiva, motivo per cui è l’unica di cui vi parlerò, è stata la gita alla scoperta di Salem. Ho trovato una cittadina molto tranquilla e carina, popolata da locali e molti turisti che vengono qui per scoprire qualcosa di più della caccia alle
Una giornata a Salem streghe. Molto, ovviamente, oggi ruota attorno alla storia dei processi per stregoneria: musei più o meno grandi, siti storici, negozi e negozietti di souvenir, tutti hanno qualcosa da raccontare sulle streghe di Salem! Come mio solito, prima di raccontarvi nei particolari della città e di cosa è possibile visitare, parto con le informazioni utili per la gita.
Come arrivare: in treno dalla North Station (lungo la orange line della metropolitana). La linea è quella della commuter rail per Newburyport/Rockport Line.
Costo del biglietto: 16 dollari a persona. Il biglietto di ritorno l’ho fatto direttamente a bordo, una volta preso il treno.
Durata del viaggio: 30-40 minuti (dovrebbe essere di 30 minuti, ma quando sono tornata a Boston il treno era piuttosto lento e ne ha impiegati circa dieci di più rispetto al viaggio di andata).
Durata della visita in città: se andate con passo veloce e non volete visitare tutti i musei della città considerate poco più di mezza giornata. Io vi consiglio di tenere in considerazione almeno 7/8 ore per vedere con calma la città e almeno una buona parte dei luoghi principali.

Salem Marittime National Historic Site

Salem noi la conosciamo soprattutto come la città della caccia (e i processi) alle streghe, ma in realtà è stata anche una città dove ha prosperato molto il commercio via mare.
Una giornata a Salem Nel ‘700 era un centro dei commerci con la Cina, avviati da Elias Hasket Derby. Questo sito storico si snoda tra derby street e i moli che si allungano nell’oceano e comprende numerosi edifici: la Custom House, il veliero Friendship (in realtà una ricostruzione del “vero veliero”), i due moli (di cui uno percorribile fino al piccolo faro all’estremità opposta rispetto alla strada) e altri vari edifici.

Witch House

Questo è l’unico museo che ho deciso di visitare durante la mia gita in città.
Una giornata a Salem Si tratta dell’abitazione di Jonathan Corwin, un giudice del posto chiamato ad indagare sui casi di stregoneria di Salem. Sembra che gli interrogatori che egli condusse si svolsero probabilmente nelle stanze al primo piano di questa casa. La visita non dura molto, ci avrò messo meno di un’ora a girare tutte le stanze (direi circa 40 minuti), ma è comunque un piccolo e curioso museo da visitare.
Biglietto: 8.25 dollari a persona (4.25 dollari per i bambini).

House of the seven gables

Si tratta di una casa costruita John Turner nel 1668 ed è la “casa dei sette abbaini” descritta da Nathaniel Hawthorne nell’omonimo romanzo del 1851.
Il romanzo di Nathaniel Hawthorne nacque da alcune conversazioni che lo scrittore ebbe con sua cugina Susanna Ingersoll, padrona della casa. Hawthorne nel romanzo descrive bene il sentimento verso la casa: come un cuore umano, con una propria vita, colma di reminiscenze ricche ed oscure. Oggi fa parte del National Historic Landmark District e durante la visita  si possono vedere gli ambienti che ispirarono lo scrittore, come il negozio di Hepzibah (Cent Shop) o il luogo dove fu trovato il giudice. La casa è conosciuta anche come Turner-Ingersoll Mansion, dal nome del successivo proprietario.

Cos’altro vedere a Salem

Anche se non è grandissima, Salem offre ancora diverse altre cose da vedere durante una gita in città. Andiamo con ordine e vediamo quali sono.

Witch Dungeon museum

Qui attori professionisti mettono in scena gli eventi legati al periodo dell’ossessione per la stregoneria (1691 – 1692). Alla fine dello spettacolo si può fare anche un giro per le segrete. L’edificio fu costruito come cappella per la East Church (First Church Society) nel 1897, su un lotto che un tempo ospitava la residenza
Una giornata a Salem Chamberlain. Lo stile architettonico era noto come “Stick Style” ed era caratterizzato da una finitura esterna in legno che sottolineava la struttura dell’edificio sottostante. L’edificio fu in seguito utilizzato dalla prima chiesa di Cristo (scienziati) fino al 1980, quando l’edificio fu venduto e venne aperto il Witch Dungeon Museum. Il museo ha anche un sito web ufficiale, dove potete trovare alcune informazioni in più per la visita. Visite giornaliere da aprile a novembre.

Biglietto: c’è un ticket cumulativo per il Witch Dungeon, il Witch History museum e il New England Pirate. Il prezzo è di 19 dollari.

Dove: 16 Lynde Street;

Lappin park

Dal 15 giugno 2005 qui si trova la statua dedicata all’attrice Elizabeth Montgomery, ovvero l’interprete di Samantha Stephens nella sit-com Bewitched (in Italia, Vita da strega). Alcuni episodi del 1970 della serie televisiva furono ambientati lungo le strade di Salem.
Dove: incrocio tra Washington Street & Essex Street;

City hall

Si tratta dell’edificio che oggi ospita il municipio cittadino. Viene considerato più vecchio edificio in attività negli Stati Uniti dal 1837.
Dove: 120 Washington Street

Old city hall

Qui, un tempo, si trovava il municipio di Salem. Oggi le sue stanze ospitano il Salem Museum (aperto giornalmente da giugno a ottobre), che ripercorre la storia della città. Vi è esposta anche la collezione Pepper Trade: questa narra la storia mercantile di Salem e degli scambi commerciali con l’Oriente per l’acquisto delle spezie.

Biglietto: 3 dollari
Dove: 32 Derby Square;

Peabody Essex museum

In questo museo sono esposti dipinti, sculture, disegni, foto, tessuti, oggetti decorativi ed architettura provenienti da varie parti del mondo, principalmente dal 1700 ad oggi. Vi si tengono anche mostre temporanee, festival nei weekend e si trovano anche programmi per le famiglie. Chiuso il lunedì.
Dove: 161 Essex Street;


Booking.com

0 Commenti

Articoli correlati

Lascia un commento