Alla ricerca di qualcosa?

In Standard

#instapost: marzo raccontato da instagram

#instapost: marzo raccontato da instagram

Torna l’appuntamento con l'”instapost”: come ogni primo martedì del mese, oggi, ripercorro con voi il mese appena finito attraverso le foto che meglio lo rappresentano tra quelle che ho condiviso con voi su instagram.
Marzo è stato un mese in cui ho girato molto a Roma ed in Italia ed è iniziato a Como con l’assemblea dell’Associazione Italiana Travel Blogger. La location, Villa Lario, era proprio affacciata sul lago e la vista era bellissima anche se il tempo era decisamente grigio.
Lago di Como: PanoramaDella città ho visto poco, per me è stata una toccata e fuga per assemblea e corso sul flusso di lavoro fotografico al ritorno da un viaggio, e proprio per questo mi piacerebbe tanto tornarci per scoprirla in maniera più approfondita.
Duomo di Como

Como: vista sul lagoPochi giorni dopo Como sono andata a Tivoli per passare due giorni alle terme: ho colto l’occasione per visitare Villa Gregoriana, gestita dal FAI e che non avevo mai visto, e per tornare a visitare Villa d’Este, spettacolare per le sue fontane ed i giochi d’acqua.
Tivoli: Villa Gregoriana

Tivoli: Villa Gregoriana

Tivoli: Villa Gregoriana

Vista da Villa D'Este, Tivoli

Il 12 ed il 13 marzo ero a Milano, per la prima lezione in aula di un corso di “social media communication”. Devo ammettere che Milano, per me, è una città particolare: mi intriga e ogni volta che ci torno c’è qualcosa che vorrei vedere e scoprire… Ma ancora non ho capito se mi piace e fino a che punto. Tra la Basilica di Sant’Ambrogio, il monumento ai caduti ed i Navigli al tramonto, la giornata che ho passato in giro mi ha dato molto (e sono tornata in hotel stanchissima)
Sant'Ambrogio. Luce

tramonto sui navigli, Milano

Monumento ai caduti, Milano

A Roma ho fatto una scoperta molto interessante: per caso ho scoperto delle visite al bunker di Villa Ada e non ho potuto resistere al prenotare! Si tratta del rifugio antiaereo costruito per la famiglia Savoia dentro il parco di proprietà della famiglia (infatti il nome intero del parco è “villa Ada Savoia)
Il bunker di Villa Ada
Ad Aprile ovviamente continuerò a portarvi con me in giro, alla scoperta di tanti posti nuovi in Italia (e tra circa due mesi, lavoro permettendo, vi porterò anche con me a Stoccolma): se volete seguirmi e venire con me potete farlo, oltre che su instagram, anche su facebook e twitter.

0 Commenti

Articoli correlati

Lascia un commento