Alla ricerca di qualcosa?

In Standard

Bandiere arancioni: località eccellenti dell’entroterra

La bandiera arancione è “un’idea” del Touring Club Italia. Si tratta di un marchio che premia l’eccellenza e la qualità per quanto riguarda le piccole località dell’entroterra. Io lo trovo un progetto interessante, veramente molto bello. La fonte del post è proprio il sito ufficiale di questo progetto (il link è alla fine del post, ci trovate altre informazioni molto interessanti)

Ecco la descrizione data dal sito ufficiale:
“La Bandiera arancione è il marchio di qualità turistico ambientale del Touring Club Italiano rivolto alle piccole località dell’entroterra che si distinguono per un’offerta di eccellenza e un’accoglienza di qualità.”

Ovviamente ci sono diversi e specifici criteri in base ai quali viene dato questo marchio. Tra questi troviamo: “la valorizzazione del patrimonio culturale, la tutela dell’ambiente, la cultura dell’ospitalità, l’accesso e la fruibilità delle risorse, la qualità della ricettività, della ristorazione e dei prodotti tipici. Il marchio ha validità biennale e richiede il mantenimento dei requisiti nel tempo.”

Questo marchio del TCI garantisce ai turisti la qualità e l’accoglienza del posto in cui si trovano e da alle località uno strumento di valorizzazione:
“Il Programma territoriale Bandiere arancioni, in coerenza con i principi sui cui si fonda il TCI, promuove la conoscenza di luoghi poco conosciuti ma di grande pregio e stimola il viaggiatore a visitare questi luoghi assaporandoli, ma al tempo stesso avendone cura proprio perché preziosi”.

Perchè questo marchio?? ecco cosa si legge nel sito del progetto: “La Bandiera arancione intende stimolare una crescita sociale ed economica attraverso lo sviluppo sostenibile del turismo.
In particolare, gli obiettivi sono:
la valorizzazione delle risorse locali;
lo sviluppo della cultura dell’accoglienza;
lo stimolo dell’artigianato e delle produzioni tipiche;
l’impulso all’imprenditorialità locale;
il rafforzamento dell’identità locale.”

Come e quando è nata l’idea? “L’idea di Bandiere arancioni è nata nel 1998 in Liguria, dietro l’esigenza della Regione di valorizzare l’entroterra. Il Touring sviluppò quindi un modello di analisi (Modello di Analisi Territoriale, M.A.T. del TCI) che portò all’individuazione delle prime località “arancioni” e alla volontà di promuovere il marchio in tutta Italia. ”
In dieci anni di attività sono stati analizzati dal Touring oltre 2000 Comuni distribuiti in tutta Italia assegnando la Bandiera arancione a 189 località (dato aggiornato a dicembre 2011).

“L’iniziativa Bandiere arancioni è dinamica e in continuo divenire, il Touring ha oggi coinvolto molti territori e su altri lavorerà nel prossimo futuro.”

E voi che ne pensate di questo progetto?

Per tutte le altre informazioni utili potete, ovviamente, consultare il sito ufficiale dell’iniziativa

2 Commenti

Articoli correlati

2 Comments

  1. Leggendo la tua autopresentazione ho pensato che le stesse parole avrebbero potuto parlare di me, e sul tuo canale youtube la prima cosa che vedo è edimburgo, ultimo mio viaggio, con una visuale su un tizio che non scorderò mai di aver visto passeggiare per le strade di quella magnifica città, con le sue zampette da fauno sui trampoli.. 🙂 spero condivideremo anche altro in futuro, magari anche sul mio blog di racconti di viaggio!

  2. Comunque è Londra, un trampoliere che suonava vicino al parlamento 😉 però si, anche Edimburgo è una città magnifica e quando ci tornerò lo cercherò anche li il fauno trampoliere! 😀

Lascia un commento