Alla ricerca di qualcosa?

In Standard

Che attrezzatura uso per girare i video

Che attrezzatura uso per girare i video

Lo scorso luglio vi avevo parlato dell’attrezzatura che uso, come “fotografa non professionista”, per fare le fotografie durante i miei viaggi. Oggi voglio parlarvi dell’attrezzatura che ho scelto di usare per girare i video (ed anche di cosa ho deciso di non comprare, almeno per ora).
All’inizio i video li giravo con la macchina fotografica, con la mia canon 550D. Sinceramente non era proprio l’attrezzatura più comoda ed ideale, almeno per me: ingombrante e poco maneggevole, anche i risultati non erano di certo i migliori (anche se non solo perché non mi trovavo bene a girarli con la reflex).
Quindi mi sono messa alla ricerca di una videocamera che fosse più comoda, gestibile più facilmente e mi permettesse comunque di mantenere alta la qualità delle immagini girate.
la mia videocamera
La cosa più ovvia, almeno per me, è stata quella di orientarmi verso le handycam. Quali e quanti aspetti guardavo durante la scelta?
Grandezza: volevo una camera non troppo grande sia per poterla usare facilmente durante i movimenti sia perché non occupasse troppo spazio in valigia;
Qualità delle immagini: volevo una camera che girasse in alta (altissima) qualità. In questo modo conversioni per ridimensionare il video per non impiegarci 7/8 ore per caricarlo su youtube non avrebbero intaccato (troppo) la qualità;
Costo: ho pensato che, almeno al momento, non necessito di videocamere costosissime (e che mi permettono di fare le stesse cose di quelle che costano un terzo);
Attacco per microfono: se mi dovesse capitare di fare interviste avrò sicuramente bisogno di un microfono perché si senta la voce dell’intervistato e limitare, così, anche il rumore di sottofondo.
la mia videocamera
Quando ho trovato questa videocamera della Sony, quindi, la scelta è stata quasi scontata. Piccola, non troppo cara, gira immagini in alta qualità ed ha l’attacco per il microfono!
Ho dovuto cercare un po’ per trovare esattamente ciò che cercavo, ma mai disperare!

Ci sono anche delle attrezzature che ho deciso di NON acquistare per la realizzazione dei video. Non ho ceduto, ad esempio, alla moda della GoPro. L’effetto “grandangolo molto spinto” non mi piace inserito all’interno dei video, se non per pochi secondi (figuriamoci, quindi, girarci video interi o quasi)… E comprarla per girarci 5 secondi da inserire in un video di qualche minuto mi sembra esagerato. La vedo come un attrezzo utile per i video sportivi, non per il tipo che realizzo io. Per non parlare del fatto che, sport a parte, mi sembra una di quelle mode che spopolano per uno, due, forse tre anni per poi sgonfiarsi e sparire piano piano…

Poi non ho mai comprato (e per ora non lo comprerò) un cavalletto. Perché? Per vari motivi tutti abbastanza semplici: occupa spazio in valigia, oltre ad aumentarne il peso. Certo, potrei comprare un cavaletto (un trepiedi) di quelli molto piccoli e leggeri, ma molti sono indicati per le fotocamere compatte e per di più, a quel punto, preferisco girare a mano libera (i video che condivido con voi sui social e sul canale youtube sono tutti girati a mano libera).
No, non è difficile girare senza cavalletto e fare dei video dalle immagini stabili! Basta un po’ di pratica (tanta pratica), unita alle giuste dritte ed ai consigli giusti. Ma su questo, magari, vi scrivo un post a parte… Che ne dite?

—- Aggiornamento dell’11 novembre 2015 —-
Dopo quasi un anno eccomi ad aggiornare questo post. Cosa è cambiato nel mio modo di fare i video? Direi un bel po’ di cose, almeno dal mio punto di vista.
—> GoPro: ho deciso di acquistarla per “inserire me stessa nei video” per pochi secondi per mostrare a chi guarda i miei video che c’è una persona dietro quello che vedono e, soprattutto, chi è questa persona. Ho preso un modello molto basic, non mi importa che mi faccia anche il caffè, e come attrezzatura ho solo il bastone (addirittura quello senza pulsanti). Non vedo grandissimi cambiamenti per quanto riguarda il pubblico, ma sono passati solo pochi mesi. (Resto comunque convinta che vada usata con moltissima cautela e, in video come i miei, per pochissimi secondi o addirittura per nulla)
—> Cavalletto: ne ho acquistato uno per i video (no, non sono quelli che “si trovano ovunque a pochi euro”, ma sono diversi), che però continuerò a non portarmi nei miei viaggi. Lo userò solo per lavori per cui devo fare interviste o registrare video molto lunghi (diciamo dai 10 minuti in su) e per, cui ho bisogno di molta stabilità.
—> Microfoni: ho acquistato sia un microfono direzionale sia un “collarino” (di quelli che “si attaccano al colletto”). Per le riprese in viaggio non li uso perché non ho la necessità di registrare l’audio ambiente, visto che lo rimpiazzo con la musica. Però per le interviste, per registrare gli audio dei miei video e per le registrazioni di interventi vari sono entrambi fantastici e molto utili.

[NO, il viaggio a Londra è passato… Non sto per partire per la capitale inglese, purtroppo :/] Intanto io sono in partenza per Londra e vi ricordo che, se volete, potete seguirmi cliccando “mi piace” sulla Pagina Fan, seguendo i miei cinguettii su Twitter, seguendomi su Instagram e, in ultimo, potete seguirmi anche tramite Google+

0 Commenti

Articoli correlati

Lascia un commento