Alla ricerca di qualcosa?

In Standard

Capodanno a Londra? 750 euro (tutto compreso)

Per certi versi come cifra può sembrare esagerata, ma si parla del periodo di capodanno e di Londra (città abbastanza cara, ma di questo ne parlerò in un altro post, con l’ausilio di una mia amica).

Siamo partiti il 31 dicembre con la Easyjet. Era la prima volta che partivo con questa compagnia e quindi avevo preso solo il bagaglio a mano, ma credo che la prossima volta mi porterò il bagaglio da stiva (col fatto che non vengono assegnati i posti tranne credo a chi fa lo speedy boarding, c’è la corsa al posto per il bagaglio e se non ci si sbriga si rischia di doverlo mandare in stiva per mancanza di spazio).
La EasyJet atterra a Gatwick, a sud di Londra. Da li parte il Gatwick express che in mezz’ora arriva a Victoria Station (10 minuti a piedi e siamo arrivati al B&B).
Passiamo all’alloggio a Londra: visti gli affitti di Londra per quel periodo (gli affitti più bassi erano praticamente fuori Londra) e visto che ci saremmo comunque alzati presto per girare la città ho prenotato un B&B vicino Victoria Station (15 minuti circa dalla stazione, 20 dal big ben e la Westminster Abbey). Avevamo tutte le mattine la colazione tipica: potevamo scegliere tra toast e uova (o anche entrambi), thè o caffè e succo di frutta. Molto vicino alla stazione di Victoria, risultava davvero molto comodo.
Per muoverci in metro noi abbiamo usato la oyster card: abbiamo dato 5 pound di cauzione, ne abbiamo caricati altri 10 per le corse in metro. L’ultimo giorno abbiamo riconsegnato la card e ci hanno ridato cauzione e soldi avanzati sulla card!!!

La sera di capodanno, se avete la pazienza e la forza di aspettare per ore al freddo e in mezzo alla folla, vi consiglio di andare davanti al London Eye, perchè da li sparano fuochi d’artificio (sul lato opposto del Tamigi ovviamente perchè li sotto non vi fanno restare). In alternativa potete stare nelle strade laterali, ci sono dei maxischermi che vengono accesi pochi minuti prima dei fuochi d’artificio. Direi un bellissimo spettacolo, meritava davvero molto!! Ovviamente, passare li la serata di capodanno significa che dovrete anche cenare li nei dintorni. Non vi preoccupate però, sotto il London Eye c’è una passeggiata dove potete trovare tante cosette da mangiare e stuzzicare e anche un Mc Donald che però potrebbe essere decisamente molto affollato e la gente sarà accampata ovunque appena fuori dal MC.

Il primo dell’anno (anche il primo giorno pieno che stavamo la) siamo andati verso Westminster Abbey, il Big Ben, quindi poi ci siamo diretti verso Buckingham palace, con la conseguente gita nei giardini pieni di scoiattoli molto ma molto socievoli (se gli date qualcosa da mangiare vengono a prenderselo fin sopra la vostra mano) e oche (loro non gradiscono molto aspettare tra un pezzo e l’altro del cibo, quindi mi raccomando siate celeri). Per il pranzo ci siamo diretti da KFC (visto che ancora non ci eravamo ben studiati la zona) e ci siamo fatti il piano per i due giorni successivi: British museum e Torre di Londra. Lo stesso giorno ci siamo presi i biglietti per gli autobus che fanno i tour della città: di solito, a Londra, durano 24 ore (a Roma per esempio puoi scegliere se farlo per 24 o 48 ore) ma in quel periodo c’era una promozione e i biglietti duravano ben due giorni. Anche se potete usufruire del biglietto solo per 24 ore, è una buona alternativa alla metro. Una delle due società ha l’audioguida in diverse lingue ed è quella che fa il giro più lungo (noi abbiamo preso questa per avere la guida in italiano e per vedere anche la parte di percorso in più). Il primo tour dopo aver preso il biglietto ci è servito per farci un’idea generale di tutta la città e non solo di quello che avremmo visto. Noi avevamo la fermata vicino al B&B, quindi la mattina dopo da li siamo partiti con l’autobus alla volta del British museum: non ha biglietto d’ingresso, ma di solito si lasciano offerte in base a quello che si ritiene giusto. Dentro ci sono veramente tante cose da poter/dover vedere e ci si passano almeno due o tre ore per girare l’intero museo. Sempre all’interno del museo ci sono due bar/self service per mangiare a prezzi ancora decenti/buoni e poi ovviamente il ristorante chic che però, almeno per noi, è stato inavvicinabile.
Finito il giro del museo siamo tornati alla fermata dell’autobus e siamo tornati verso Victoria. Ci siamo fatti un giro per i negozi strettamente per turisti per farci una prima idea di cosa portare come souvenir a Roma (magneti e cavolate simili insomma.. roba che non occupasse troppo posto in valigia ma che potesse comunque piacere).

Il giorno dopo siamo partiti alla volta della Torre di Londra: i biglietti costicchiano (17 sterline) però ne vale la pena. All’interno si trovano ricostruzioni esatte degli ambienti dell’epoca, con persone che, in abiti d’epoca, interpretano dei personaggi. Nella White Tower c’era una mostra con l’evoluzione delle armi (e delle armature) nel tempo. Ovviamente, come ultima tappa, non potevano mancare i gioielli della regina!! Di solito c’è una lunghissima fila e infatti, prima di poter entrare, mentre la fila scorre, proiettano dei filmati dove danno notizie riguardanti i vari gioielli. Una volta entrati, ci sono dei tapis roulant che portano la gente avanti in quanto davanti ai gioielli non ci si può fermare.Usciti dalla mostra dei gioielli, era ornai buio e ci siamo incamminati verso l’uscita. La siamo poi rimasti incantati davanti al tower bridge illuminato. A quel punto, visto che nel biglietto del tour era compresa una crociera sul Tamigi e il biglietto stava per scadere, abbiamo deciso di sfruttare la crociera per tornare indietro.

Durante gli ultimi giorni a Londra non può mancare un giro per le strade londinesi dello shopping, ma soprattutto è d’obbligo una fermata da Harrods, il grande magazzino londinese per eccellenza, e da hamleys, il grande magazzino di soli giochi.
Buckingham palace mi pare che sia aperto (cioè visitabile in alcuni suoi ambienti) solo dalla primavera, infatti noi non siamo riusciti a vederlo dentro. Immancabile però è anche il cambio della guardia: d’inverno lo fanno un giorno si e uno no, mentre d’estate tutti i giorni.

Questo è quello che farei io a Londra in 5 giorni. Anche se ci sarebbero altre cose da vedere: la Tate, un giro a piccadilly,la city e magari anche l’acquario. Cose come il dungeon e madame tussauds sono soprattutto per i più piccoli, quindi io le eviterei per dedicarmi ad altro (però se avete visto tutto quello che volevate vedere e avete ancora tempo e soldi perchè no?? il biglietto per madame tussauds costa, mi pare, sulle 17 sterline)

Vi lascio il link al set di flick con alcune delle foto che ho scattato a Londra

0 Commenti

Articoli correlati

Lascia un commento