Alla ricerca di qualcosa?

In Standard

Barcellona

Per parlare delle città spagnole, non potevo non cominciare con un post su Barcellona. Ho notato che, nel 90% dei casi che ho sentito, la prima volta che una persona andava in Spagna lo faceva visitando Barcellona. Quindi comincio da qua.
Potete arrivarci in traghetto o in aereo, ma visto che solitamente ci si va per viaggi brevi ovviamente meglio l’aereo (ma dai?? ahah me lo dico da sola). L’aeroporto vicino è quello di Girona, da cui partono taxi e pullman che vi portano a Barcellona. Forse è meglio prendere un taxi, in modo da farvi portare direttamente davanti all’hotel (o alla casa/alloggio dove dormirete)

Da dove cominciare? Ci sono tante cose da dire su questa città, cercherò quindi di essere breve nel riportare cosa, secondo me, c’è da vedere a Barcellona.
Partendo da Plaza de Catalunya, lungo El Eixample troviamo tanti edifici che rendono Barcellona una città unica, cominciando da Casa Calvet di Gaudì. Se continuiamo lungo Passeig de Gràcia, troviamo Casa Lleò Morera, la Casa Amatller, oltre a Casa Batlò. Sono degli edifici semplicemente unici che colpiscono e restano impressi per la loro stravaganza. Poco più in là troviamo un’altra opera di Gaudì, forse la più famosa, La Pedrera (Casa Milà), che è patrimonio dell’umanità dell’UNESCO e sede della Caixa de Catalunya (secondo me è anche la più bella, o per lo meno è quella che preferisco).
Se proseguiamo lungo l’Avinguda Diagonal, troviamo Palau Macaya. Entrando poi nel quartiere Ribera, uno dei quartieri storici, è quasi d’obbligo una visita al Museo Picasso, dove è conservata la più grande raccolta delle sue opere giovanili.
Ovviamente non può mancare una passeggiata lungo la Rambla, con annessa visita al mercato coperto, la Boqueria, il più grande mercato di Barcellona e della Spagna: si trova proprio sulla Rambla. L’edificio è costituito da una grande struttura in ferro che accoglie chioschi di verdure, pesce, dolci, carne.
Da li, proseguendo lungo la Rambla, si raggiunge molto facilmente e in poco tempo il barrio gotico, dove è d’obbligo andare a visitare la Cattedrale gotica.
Per andare dalla spiaggia di Barceloneta fino a Montjui potete prendere la Funicolare che permette una vista spettacolare sulla città. Se la giornata è soleggiata, l’ideale è una visita al Parco Ciutadella, un grande parco verde dove puoi noleggiare i pedalò ed girare nel lago.In alternativa si può andare a Tibidabo dove c’è un bar che si affaccia sull’intera città.
Personalmente farei un salto all’Arco di Trionfo, vicino al quale ho poi scoperto esserci un museo della cioccolata che mostra la storia della cioccolata e finisce in un negozio e café dove ci si può riposare e si possono ordinare cioccolate calde.

La vita notturna di Barcellona si sviluppa in varie zone della città. Diciamo che, in linea di massima si può fare una specie di divisione tra i locali visitati dai turisti, che sono situati nella zona delle Ramblas, i locali visitati da un misto di Spagnoli(intesi come catalani, spagnoli e stranieri che vivono a Barcellona) e turisti, situati nel Born, nel Barrio Gotico, nel Raval e nella Barceloneta/Porto Olimpico, e infine quelli nell’Eixample e a Gracia che vengono frequentati soprattutto dai barcellonesi.

Ho trovato alcune informazioni sulla Barcellona Card, che io non ho utilizzato e sulla quale quindi non avrei saputo dare nessuna informazione: trumento fondamentale per il turista che raggiunge la metropoli catalana, è la maniera più economica sia per attraversare la città ed ammirarne i monumenti, che per gustarne i sapori, acquistare i prodotti tipici e per concludere la serata nei locali più alla moda. Può valere da 1 a 5 giorni e permette di usufruire gratuitamente dei mezzi di trasporto pubblico, di entrare con il 50% di sconto al Museo Picasso ed in altri musei cittadini, di ottenere una riduzione del 30% sul biglietto della Sagrada Familia e sull’ingresso ad altre attrazioni e una riduzione di prezzo del 20% per altre aree espositive, tra le quali la Fondazione Mirò. Altri vantaggi sono gli sconti nei ristoranti convenzionati, in una serie di negozi ed in alcuni locali. Si acquista sia negli uffici di informazione turistica della città sia presso i grandi magazzini “El Corte Ingles”.
Prezzi:
Adulti: 2 giorni 23 € – 3 giorni 28 € – 4 giorni 31 € – 5 giorni 34 €
Bambini (4-12): 2 giorni 19 € – 3 giorni 24 € – 4 giorni 26 € – 5 giorni 30 €

un piccolo video girato lungo la rambla

0 Commenti

Articoli correlati

Lascia un commento