Alla ricerca di qualcosa?

In Standard

Colosseo e Palatino: consigli di sopravvivenza per una visita

Colosseo e Palatino: consigli di sopravvivenza per una visita
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Visitai il Colosseo e i Fori quando ero piccola e, lo ammetto, i miei ricordi erano piuttosto vaghi: prima di andare in ferie, quindi, ho deciso di tornare a visitare il Colosseo e il Palatino. Si tratta di due dei luoghi che maggiormente raccontano la storia dell’antica Roma e che vanno visitati almeno una volta nella vita andrebbero visitati. Vista la loro importanza, vi è sempre tantissima gente che li visita (tutti i giorni, a tutte le ore): con questo post vorrei darvi qualche consiglio, una sorta di “guida di sopravvivenza”, prima di un piccolo ripasso di storia (molto breve, dato che bene o male la conosciamo tutti) e qualche informazione più
Colosseo: interni dettagliata riguardo la visita.
Biglietto d’ingresso: l’ho acquistato online, valido due giorni. Questo biglietto mi ha permesso di saltare la fila che era già chilometrica, semplicemente presentandomi all’orario scritto sul biglietto (c’è una fila preposta a chi ha questo genere di biglietti).
NB: per il Palatino, che ho visitato dopo il colosseo, la fila per chi aveva già il biglietto era più lunga ed anche abbastanza lenta (l’acquisto intelligente è la nuova partenza intelligente).
Controlli di sicurezza: sia per il colosseo che per il palatino bisogna passare dei controlli. Al Colosseo ci sono i metal detector, mentre all’ingresso del palatino lungo via di San Gregorio venivano guardate le borse singolarmente e a mano.
Guardaroba: praticamente non esistono! Potete entrare con borse di piccole e medie dimensioni, ma tutte le altre non sono assolutamente ammesse. Organizzatevi di conseguenza, in modo tale da non rischiare di
Colosseo: interni trovarvi a non poter entrare perché non sapete dove lasciare la borsa.
Bagni: si lo so che è una voce “strana” per una lista di consigli e informazioni. All’interno del Colosseo ne ho trovato un solo punto bagni e a quello delle donne c’era sempre una fila chilometrica, mentre tra palatino e foro romano ne trovate diversi (e con molta meno fila). Se visitate entrambi i luoghi e riuscite a resistere, vi consiglio di aspettare la visita al palatino (se è la prima visita che fate, allora il consiglio diventa di andarci prima di andare a visitare il Colosseo).
Durata della visita: tenete in considerazione almeno mezza giornata per visitare entrambi, meglio se quasi una giornata intera. Per la visita al Colosso ci vuole un po’ meno tempo. Se decidete di andare in estate vi consiglio spassionatamente di portarvi acqua fredda e un cappellino: la visita sarà tutta sotto il sole e, quindi, il caldo si farà sentire.
Colosseo: interni Io ho iniziato dal Colosseo, alle 9:55 di un sabato mattina, perché era da lì che volevo iniziare e, soprattutto, perché la fila per i possessori di biglietto era ancora molto breve (alle 11 circa ho fatto una fila di mezz’ora e passa per entrare al Palatino). Non posso assicuravi che facendo il contrario potreste avere più fortuna di me in termini di attesa in fila per la seconda fila: quello che posso dirvi è, a seconda di quanto presto arrivate, di eventualmente controllare quale delle due file è più breve per iniziare quanto prima almeno la prima delle visite. La storia di questi due luoghi dell’antica Roma la conosciamo tutti. Il Colosseo, conosciuto anche come Anfiteatro Flavio, è il più grande anfiteatro del mondo (poteva ospitare tra le 50.000 e le 75.000 persone): edificato in epoca Flavia su un’area al limite orientale del Foro Romano, venne iniziato da Vespasiano nel 72 d.C. ed inaugurato da Tito nell’80, con ulteriori modifiche apportate durante l’impero di Domiziano nel 90. Nel 1980 venne inserito nella lista dei Patrimoni dell’umanità dall’UNESCO e, dal 2007,  è una della nuove sette meraviglie del mondo. Oggi le visite permettono di comprendere il funzionamento del sistema teatrale sotterraneo, con montacarichi, rampe e trappole che servivano a far comparire animali,
Visita al Palatino gladiatori e macchinari scenografici. Il Palatino, situato tra il Velabro e il Foro Romano, è una delle parti più antiche della città: a parte l’aspetto più materiale, dato dai resti ritrovati (hanno mostrato che delle popolazioni vi abitavano già nel 1000 a.C. circa), leggenda vuole che Roma ebbe origine proprio sul colle Palatino.
Fra il II e il I secolo a.C.il Palatino divenne il quartiere residenziale dell’aristocrazia romana e Augusto lo fece diventare la sede ufficiale del potere: sotto Augusto iniziò la costruzione dei palazzi imperiali,
Visita al Palatino ampliati poi da Nerone, Domiziano, Adriano e Settimio Severo (oggi sono ancora visibili le rovine dei palazzi di Augusto, Tiberio e Domiziano). Nel Palazzo dei Cesari si trova il Museo Palatino dove sono esposti i corredi delle tombe dell’età del Ferro ed opere d’arte provenienti dal complesso augusteo e dalle residenze degli imperatori.
Il mio consiglio per la visita? A parte essere preparati alla folla, che in questi posti non manca mai, è di evitare quanto più possibile di andarci col caldo: se proprio non potete evitare di andarci in estate, perché magari è proprio quello il periodo in cui visiterete Roma, allora scegliete un orario di visita la mattina presto (verso l’apertura) oppure verso il tardo pomeriggio (anche se a luglio/agosto farà comunque caldo).

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
0 Commenti

Articoli correlati

Lascia un commento


NEWSLETTER IN UN CLIC!
Iscriviti alla newsletter senza troppa difficoltà  :)